:::L'indi(e)fferente::: /> Too Cool for Internet Explorer
03 luglio 2006
Drigo - Rock Notes
Diciamocelo chiaramente, Drigo è un grande. E non c'è modo di sminuire la sua importanza a livello musicale, tutto quello che ha fatto assieme ai Negrita per non fare ammuffire i ragazzi su quella merda di hip-hop, rap, dance e schifezze varie. Drigo è il rock, e le sue pagine sono Rock-Notes, nient'altro. Righe scritte raccontando come la musica ha cambiato la sua vita, dalla prima chitarra comprata dal padre all'abbandono di Zama. Dalle registrazioni di Radio Zombie indietro fino ai banchi delle superiori. Una storia comune, direbbe qualcuno, ma una vita vissuta cercando di cambiare il mondo dentro e fuori di se. Drigo era li, davanti a 40.000 spettatori all'Arezzo Wave e tra il pubblico a bersi una birra offerta da un fan. A chi come me, ha da sempre preferito "laurearsi" nella vita e nella musica di tutti i giorni, questo libro sembrerà scritto da un amico per altri amici. Brevi annotazioni, disegni, colori, l'arte di un chitarrista uomo, che ama il rock e la vita :

"Scena in un auto che sfreccia, siamo in tre. [...] Musica ad alto volume, conversazione alle stelle. Ognuno vuol far colpo sull'altro. Il rock non va più, dice Dolcenera.
Fatemi scendere, penso io..."

E Drigo, rock'n'rolla sopra la città...

Etichette:

 
Scribacchiato da G. D. alle 9:09 AM | Permalink |


1 Comments:


  • At 5:44 PM, Anonymous NickMcCabe

    Ehy! invece di pensare a Drigo pensa a finire northernsouls.net!!!

    :pppp